Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giovani&Salute – Il preservativo non è un optional: gli youtuber contro l’Aids

In Italia ci sono state 3.451 nuove diagnosi di infezione da Hiv nel 2016
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il preservativo non è un optional extralusso” parte da qui il video di Gugliemo Scilla, i theShow e Daniele Doesn’t Matter.

Un video realizzato dai famosi youtuber che hanno aderito alla campagna di comunicazione contro l’HIV e le malattie sessualmente trasmissibili promossa dal ministero della salute.

“Ci sono alcune cose che facciamo in modo naturale, altre che è bene che qualcuno ci spieghi – sottolineano nel video – Ma perché nessuno ci spiega cose importanti come fare la lavatrice o come prevenire l’AIDS? Il modo migliore per non far diffondere l’HIV è diffondere l’informazione”.

“Riuscire a ritrasmettere un’informazione corretta sull’Hiv (e sulle malattie sessualmente trasmissibili) e la consapevolezza della necessita’ della prevenzione” è l’obiettivo della campagna ‘Con l’Hiv non si scherza, proteggi te stesso e gli altri‘ promossa dal ministero della Salute e presentata dal ministro Beatrice Lorenzin a dicembre scorso.

https://www.youtube.com/watch?v=t-_Xn5w5i9UProteggersi e conoscere i rischi significa avere “amore per se stessi e per il proprio partner” ha dichiarato il Ministro Lorenzin annunciando la campagna diffusa su web e tv. “È delicata– ha sottolineato- e abbiamo usato l’arma dell’ironia e non quella della paura perché crediamo funzioni di più“.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità l’Hiv continua a rappresentare un serio problema di sanità pubblica. Un problema attuale e sottovalutato che conta in Italia 3.451 nuove diagnosi di infezione da Hiv nel 2016. Un dato – diffuso dall’Istituto superiore di sanità – che corrisponde a 5,7 nuovi casi per 100 mila residenti. Dunque le malattie sessualmente trasmissibili sono più diffuse di quanto si pensi e la mancanza di consapevolezza – specie tra i giovani – è un dato che preoccupa. Preoccupa perché non conoscere i rischi di un rapporto non protetto espone maggiormente i ragazzi a non proteggersi durante i rapporti sessuali.

Per questo la campagna di comunicazione è stata fortemente voluta e differenziata in base al target. Oltre a coinvolgere il mondo del web, sono stati realizzati due spot televisivi con la partecipazione di Dario Vergassola e Giulia Michelini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»