Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No Green Pass, a Trieste in duemila al corteo contro la certificazione

no green pass autisti tper bologna
Offese indirizzate al governo, in particolare contro il premier Draghi, i ministri Speranza e Lamorgese, ma anche contro la petizione firmata da oltre 60mila triestini contrari alle proteste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Circa duemila persone, secondo le stime della Questura di Trieste, hanno preso parte ieri sera al nuovo corteo organizzato dal coordinamento No-green pass Trieste. Nonostante le disposizioni delle scorse settimane che volevano le manifestazioni solo statiche, e rispettose delle norme anti contagio (distanziamento, mascherine obbligatorie), il corteo è stato autorizzato dalla Questura su un percorso che andava dal rione periferico di Chiarbola, verso quelli più centrali, come campo San Giacomo e piazza Garibaldi, per concludersi nella vicina piazza Perugino.

Solite le parole contro il green pass e offese indirizzate al governo, in particolare contro il premier Draghi, i ministri Speranza e Lamorgese, ma anche contro la petizione firmata da oltre 60mila triestini contrari alle proteste no-vax e no-green pass. Durante il transito in zone più popolari, come Ponziana e San Giacomo, dalle finestre si sono levate anche alcune urla di contrarietà alla manifestazione da parte dei residenti, ma anche da alcuni negozianti, subito sovrapposte da grida “no-green pass” dal corteo.

Notevole il dispositivo di sicurezza, sebbene “rilassato”, con la Polizia senza caschi e scudi che apriva il corteo e la Guardia di Finanza in chiusura. Unico punto delicato in cui le forze dell’ordine hanno creato un muro invalicabile con scudi e mezzi è stato all’arrivo in piazza Garibaldi, per evitare che il corteo si dirigesse verso il centro e rimanesse sul percorso autorizzato. Ancora più significativo lo sforzo di coordinamento della Polizia locale di Trieste per aprire e chiudere il traffico delle vie cittadine al passaggio del corteo, deviando il traffico perché non si creassero imbottigliamenti nell’ora di punta serale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»