Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 24 novembre 2020

Ecco i titoli dell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A NATALE L’ITALIA IN ZONA GIALLA ‘RAFFORZATA’

Il ministro della Salute Roberto Speranza rinnova la stretta: Liguria, Basilicata, Umbria restano zone arancioni, Bolzano confermata zona rossa. Questo almeno fino al 3 dicembre. Altre regioni potrebbero invece cambiare colore nel fine settimana, quando e’ attesa la nuova ordinanza. Nel frattempo, il governo sta lavorando a un dpcm che trasformi tutta l’Italia in zona gialla “rafforzata” per Natale. Niente feste né cenoni, l’obiettivo è consentire il ricongiungimento tra parenti stretti in regioni diverse, permettendo gli spostamenti ai residenti domiciliati altrove. Nessuna deroga in vista, invece, per settimane bianche e impianti sciistici. Intanto il premier Giuseppe Conte confida per venerdi’ prossimo di ridurre al valore 1 l’indice di contagiosita’ nazionale. Una premessa indispensabile per qualsiasi altra ipotesi.

EFFETTO COVID, SOFFRONO DONNE E NO PROFIT

Saranno due deputati della maggioranza, Maria Luisa Faro del Movimento 5 stelle e Stefano Fassina di Leu, i relatori della manovra alla Camera. Ma il dialogo tra governo e Forza Italia prosegue, tanto che il partito di Silvio Berlusconi giovedì non farà mancare i propri voti per dare il via libera allo scostamento di bilancio. Intanto, il mondo del no profit lancia l’allarme e critica la norma della finanziaria che obbliga le associazioni ad aprire la partita Iva: “E’ un aggravio burocratico e finanziario che rischia di far chiudere migliaia di organizzazioni di volontariato”, dice la portavoce del Forum Terzo Settore, Claudia Fiaschi, che nelle prossime ore incontrerà i tecnici di Palazzo Chigi e del Mef. Gli effetti della pandemia pesano soprattutto sulle donne tanto che l’Istat stima 470 mila occupate in meno e prevede un calo drastico delle nascite.

4 MILA INDAGINI APERTE CON ‘CODICE ROSSO’

Quattro mila indagini aperte in un anno dall’applicazione del Codice Rosso, la legge che tutela le vittime di violenza di genere. A fare il punto sulla norma è il ministro di Giustizia Alfonso Bonafede. Novanta i processi già conclusi, 80 le condanne per i quattro nuovi reati introdotti dalla legge: la violazione delle misure di protezione per le vittime, la costrizione al matrimonio, il revenge porn, gli sfregi permanenti. Solo per il revenge porn sono state aperte oltre mille indagini. Aumentano invece dell’11% i maltrattamenti in famiglia, secondo un trend legato probabilmente al lockdown. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte plaude alla nuova legge. ‘Qualcosa comincia a funzionare- dice- ma il percorso è ancora lungo’.

ASSEMBLEA ANQUAP, SCUOLA E SANITA’ IN ERA COVID

Entrambe soffrivano di problemi strutturali gia’ prima del Covid. Ma ora scuola e sanita’ hanno la possibilita’ di disegnare nuove prospettive e tornare ad essere voci di investimento, e non solo di spesa. Le proposte sul futuro dell’istruzione e della sanita’ sono state al centro dell’assemblea nazionale dell’Anquap, l’Associazione nazionale quadri delle amministrazioni pubbliche, che si e’ svolta questa mattina in streaming con il presidente Giorgio Germani, ospiti la sottosegretaria Simona Malpezzi, il presidente della federazione Cimo-Fesmed Guido Quici, il presidente dell’Anp Antonello Giannelli. “Oggi c’e’ un’inversione di tendenza importante rispetto alla stagione precedente, caratterizzata dai tagli”, sottolinea Germani che parla di risorse importanti per la scuola e di alcune manchevolezze gia’ oggetto di proposte specifiche presentate al governo e al parlamento. Per Quici “serve una riforma del servizio sanitario nazionale a partire dal territorio e una nuova organizzazione degli ospedali”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»