Più sostegno ai bimbi bulgari disabili grazie ai fondi europei

Il Centro di Burgas sarà ultimato ad aprile 2020 ed è parte di un progetto sostenuto dall'Erdf, il fondo attraverso il quale l'Unione europea realizza la propria politica di coesione territoriale.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Burgas, città bulgara che si affaccia sul Mar Nero, i bambini con disabilità potranno presto trovare sostegno in un Centro di riabilitazione a loro dedicato finanziato grazie ai Fondi europei per lo sviluppo regionale (Edrf).

La struttura – riferisce l’agenzia di stampa locale Focus – fornirà servizi sanitari e sociali integrati attraverso uno staff di terapisti del linguaggio, della motricità e da psicologi. Questi professionisti accompagneranno i minori e le loro famiglie in specifici percorsi di sostegno, accanto a programmi ludico-educativi, in modo da recuperare e potenziare le capacità motorie, linguistiche e di apprendimento, a seconda delle singole disabilità. L’obiettivo è permettere a questi bambini l’accesso a servizi sanitari e rieducativi di qualità, acquisendo tutte le competenze necessarie per diventare in futuro adulti indipendenti. Il Centro di Burgas sarà ultimato ad aprile 2020 ed è parte di un progetto sostenuto dall’Erdf, il fondo attraverso il quale l’Unione europea realizza la propria politica di coesione territoriale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»