Turismo, Bernaudo: “Raggi non penalizzi settore pullman privati”

Il coordinatore dell'Area metropolitana di Roma del Partito liberale al fianco degli imprenditori privati del trasporto turistico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BERNAUDOROMA – Il coordinatore dell’Area metropolitana di Roma del Partito liberale, Andrea Bernaudo, è al fianco degli imprenditori privati del trasporto turistico e ha dichiarato: “Ho incontrato un gruppo di imprenditori del trasporto privato non di linea che sono in agitazione. Ho appreso che il sindaco Raggi avrebbe intenzione di chiudere l’accesso al centro storico ai pullman turistici privati. Se confermata la ritengo una scelta folle che va contro la vocazione turistica di Roma, contro il buon senso e contro la libera impresa delle tante aziende private del settore.

La categoria ha chiesto di incontrare anche le forze politiche presenti in Assemblea capitolina e il capogruppo di Fratelli d’Italia, Fabrizio Ghera, membro della commissione Mobilità, si è subito reso disponibile a un tavolo di confronto”. “Il nostro auspicio- continua Bernaudo- è che venga scongiurata una scelta che è oggettivamente assurda. Come si può chiudere o restringere l’accesso ai privati” chiede Bernaudo “e cioè a pullman nuovi ed ecologici, e continuare a far circolare i torpedoni scassati ed inquinanti della società partecipata Atac?”. “Vorrei ricordare- conclude l’esponente del Partito liberale italiano- che così si penalizzerebbero gli imprenditori veri del settore, cioè quelli che rischiano nel privato, per privilegiare un’azienda decotta, partecipata dal Comune, che sarebbe già fallita da tempo se non venisse rifinanziata ogni anno a suon di centinaia di milioni di euro dei contribuenti romani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»