Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Big G un doodle per Lucy

Su Google è il giorno di Lucy. Sì, perché per celebrare l'ominide più famoso della storia ritrovato in Etiopia 41 anni fa, Big G ha deciso di dedicargli un doodle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Su Google è il giorno di Lucy. Sì, perché per celebrare l’ominide più famoso della storia ritrovato in Etiopia 41 anni fa, Big G ha deciso di dedicargli un doodle. A scoprire quello che è considerato il più importante tassello mai rinvenuto per l’evoluzione umana, è stato il paleontologo americano Donald Johanson nei pressi del fiume Hadar.
doodle_lucy
Grazie al ritrovamento del 40% dei frammenti scheletrici, gli esperti hanno capito che Lucy, vissuta 3,2 milioni di anni fa, era un ominide in grado di camminare in posizione eretta e questo rimetteva in discussione tutte le teorie elaborate fino a quel momento, sull’evoluzione della specie umana. L’Australopiteco, il cui nome tecnico è AL-288 (Afar Locality numero 288) era alto 1,30 cm per 29 chili e cosa fondamentale era in grado di camminare come noi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»