Cinema. Il premio Lux del Parlamento europeo va a Mustang

Mustang racconta la storia di cinque sorelle che sono state promesse in moglie attraverso un matrimonio forzato ma che rompono il giogo della tradizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Presidente Martin Schulz (nella foto), nel corso di una cerimonia in Plenaria a Strasburgo, ha annunciato che Mustang è il vincitore dell’edizione 2015 del Premio LUX del PE sul cinema. Mustang racconta la storia di cinque sorelle che sono state promesse in moglie attraverso un matrimonio forzato e dunque contro la loro volontà, ma che, determinate a vivere le loro vite, rompono il giogo della tradizione.

Premiazione_Mustang

Il Presidente Martin Schulz si è congratulato con i tre finalisti, inclusa la regista del film vincitore Deniz Gamze Erguven e il suo staff: “Questi film, molto diversi tra loro, sollevano questioni fondamentali. In che modo il nostro continente deve cambiare al fine di trasformarsi da continente d’emigrazione a uno d’immigrazione? Qual è il ruolo delle donne nelle società vicine l’Europa? Come la crisi economica minaccia la nostra vita di comunità? Questi film europei meritano il nostro sostegno e sono orgoglioso che il PE, anche quest’anno, si adoperi per dare più visibilità possibile a questi film”.

Silvia Costa (S&D, IT), Presidente della commissione cultura e istruzione ha affermato: “Il Premio Lux è un esempio di diplomazia culturale che unisce il sostegno all’espressione delle industrie culturali e creative con co-produzioni europee che promuovono la diversità culturale e linguistica e propongono anche interpretazioni artistiche di realtà complesse che ci aiutano a capire l’un l’altro. Non solo in Europa ma nel mondo”. Gli altri due film finalisti di quest’anno sono stati: Mediterranea (Italia, Stati Uniti, Germania, Francia, Qatar) di Jonas Carpignano, e Urok (The lesson) di Kristina Grozeva e Petar Valchanov (Bulgaria, Grecia).

Il vincitore è scelto ogni anno dai deputati con una votazione. Il Parlamento sostiene finanziariamente le spese per le traduzioni e la sottotitolazione dei tre film finalisti nelle 24 lingue ufficiali dell’UE, nonché l’adattamento per le persone con problemi di udito o ipovedenti del film vincitore. I tre film finalisti per il Premio LUX sono stati proiettati nei 28 Stati membri dell’UE, da settembre a dicembre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»