NEWS:

Gira in paese con una carabina e distrugge una Jaguar: denunciato un 30enne

Ore di terrore, domenica mattina, sull'appennino in provincia di Reggio Emilia

Pubblicato:24-10-2022 14:37
Ultimo aggiornamento:24-10-2022 15:42

FacebookLinkedIn

Reggio Emilia- All’alba di domenica si sono vissute ore di terrore nella frazione di Cavola a Toano, Comune dell’Appennino in provincia di Reggio Emilia. Un uomo di 30 anni è arrivato in auto nella centralissima “Piazza Italia” del paese, dove a quell’ora stazionavano dei gruppetti di giovani al termine di una serata in discoteca e qui, aggirandosi con fare minaccioso e con in mano una carabina ad aria compressa ha scatenato il fuggifuggi generale. Poi, di nuovo in auto, l’esagitato si è fermato poco distante, dove era parcheggiata una Jaguar che, per motivi ancora al vaglio, ha deciso di devastare. Con una mazza ha infranto il parabrezza della costosa vettura e ne ha ammaccato in più punti la carrozzeria, causando al proprietario un danno di almeno 10.000 euro.

Un’altra scena da film si è svolta poco dopo quando il proprietario della Jaguar, il vocalist della discoteca, ha appreso quanto stava avvenendo e si è precipitato sul posto. Il 30enne si è subito rimesso in auto per scappare, ma il vocalist, per impedirlo, si è perfino aggrappato per un breve tratto al mezzo del fuggitivo rischiando di finire investito.

A mettere ordine nel pandemonio sono stati alla fine i Carabinieri delle stazioni locali di Toano e Castelnovo Monti, che in breve tempo hanno identificato il 30enne e lo hanno raggiunto a casa. Sulla sua auto, con il motore ancora caldo, i militari hanno trovato la carabina utilizzata in piazza. Una seconda arma dello stesso tipo e varie munizioni, invece, erano nell’abitazione dell’uomo, che è stato denunciato con le accuse di minaccia e danneggiamento aggravati e porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere. Comparirà oggi davanti al giudice, in tribunale a Reggio Emilia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it