Coronavirus, fra maggio e giugno vaccino per tutti

Lo comunica la Irbm di Pomezia, l'azienda che insieme alla Oxford University sta mettendo a punto il vaccino anticovid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Possiamo ipotizzare una disponibilità di dosi per tutti per giugno 2021”. Così a The Breakfast Club, su Radio Capital, Piero di Lorenzo, presidente della Irbm di Pomezia, l’azienda che insieme alla Oxford University sta mettendo a punto il vaccino anticovid. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’immunologo:”Vaccino in arrivo, a febbraio cure con anticorpi”

“Se non ci saranno eventi avversi e novità negative, la sperimentazione terminerà entro la fine dell’anno, quindi entro dicembre in Europa arriveranno 20-25 milioni di dosi e quindi 2-3 milioni in Italia da destinare subito ai più fragili come gli ospiti di Rsa, ma anche forze dell’ordine e operatori sanitari”, ha detto Di Lorenzo, “il tempo necessario non solo per far arrivare le dosi ma per sottoporre a vaccinazione tutte le persone che vorranno si può ipotizzare ragionevolmente entro giugno dell’anno prossimo. L’Italia ha prenotato 70 milioni di dosi che arriveranno entro giugno, noi siamo 60 milioni e circa un quarto, secondo statistiche ISTAT, non intende vaccinarsi, quindi penso che le dosi saranno più che sufficienti per vaccinare tutti quelli che lo desiderano entro maggio-giugno”. 

Di Lorenzo spiega che la fase tre sta per finire e poi spetterà all’ente regolatorio per i controlli di loro competenza. La validazione è di 12 mesi in tempi normali, ma questi non lo sono, ha spiegato Di Lorenzo. “Immagino – ha detto – che I dirigenti scientifici dell’Ema taglieranno tutti i tempi della normale burocrazia ovviamente senza penalizzare i controlli necessari per la sicurezza e l’efficacia del vaccino”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»