fbpx

VIDEO | “Lo 0,1% delle risorse del Recovery fund per i disabili”: la richiesta dell’Unione ciechi

ROMA – Destinare una quota del Recovery Fund, “per quanto minima, anche lo 0,1%, a un grande piano per la disabilita’“. Lo chiede Mario Barbuto, presidente nazionale dell’Unione ciechi e ipovedenti italiani (Uici). 

In una intervista all’agenzia Dire, Barbuto dice: “Servono tantissime risorse. Noi responsabilmente, da ciechi e da cittadini, chiediamo alle istituzioni e al governo che non vengano toccate le risorse gia’ acquisite e che sono state erogate nel 2020. Sappiamo che migliaia di persone hanno bisogno di aiuto e supporto, noi abbiamo 156 sedi in tutta Italia che dobbiamo ovviamente sostenere e garantirne la funzionalita’. Le risorse sono importanti”. 

L’associazione quest’anno compie 100 anni. Dato il momento, piu’ che di “festeggiamenti”, Barbuto preferisce parlare di “celebrazioni”. La strada fatta e’ tanta: “Questi 100 anni hanno attraversato tanti momenti della vita nazionale- sottolinea- pensiamo al 1920 quando molti ciechi erano sui gradini delle chiese o all’angolo di una strada a tendere la mano, a contare sulla carita’ pubblica e pensiamo a quello che siamo oggi. Migliaia e migliaia di persone che lavorano e hanno acquistato la dignita’ di cittadini e che rappresentano il progresso civile, sociale e morale di questa categoria di persone nell’arco di cento anni. Un progresso che si e’ realizzato grazie a questa associazione”. Un secolo di vita di cui essere orgogliosi: “Questa celebrazione va fatta col sorriso. Lunedi’ mattina alle 10.30 al palazzo delle poste di Genova verra’ emesso un francobollo celebrativo del centenario e contemporaneamente saremo collegati qui a Roma, speriamo di avere anche il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, che ha collaborato nell’emissione di questo francobollo. Abbiamo tante altre iniziative tra le quali a novembre il congresso nazionale“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

24 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»