Il bus non è a norma e la bimba disabile salta la scuola: il caso arriva in Regione

A raccogliere la denuncia oggi è il vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari (M5s)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – E’ intorno alle 23 di ieri che l’associazione Carrozzine determinate posta su Facebook la denuncia: Giulia, bimba disabile di Scafa, non può andare a scuola perché lo scuolabus non è attrezzato per poterla accompagnare

A raccogliere la denuncia oggi è il vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari (M5s): “Saremo vicini all’Associazione Carrozzine determinate e al presidente Claudio Ferrante in questa richiesta di giustizia per la piccola alunna di Scafa – afferma -. Interesserò personalmente l’Assessore Fioretti con delega alle Politiche Sociali. Nel 2019 è impensabile sentire ancora queste storie di non accessibilità, soprattutto quando si tratta di bambini. Per questo voglio anche ringraziare Claudio Ferrante e la sua associazione che da anni lotta contro ogni discriminazione con il fine di rendere i servizi davvero fruibili a tutti. Una lotta che deve trovare la sponda delle istituzioni che sono preposte a colmare queste carenze. E nel farlo deve tutelare la persona e l’integrazione e non sottolineare le differenze con proposte che sembrano ancor più discriminatorie. Unendo la mia voce alla sua – conclude Pettinari – spero che Regione Abruzzo ed il Comune di Scafa trovino la giusta intesa per fornire alla scuola un mezzo adeguato al trasporto di tutti gli alunni”. 

L’auspicio è che come si legge nel post Giulia possa insomma andare a scuola con tutti i suoi compagni e “crescere in un ambiente che la accoglie e che la favorisce e potrebbe imparare che la sua società non guarda alle differenze ma le valorizza; non pone ostacoli, ma le rimuove”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»