Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tumori del cavo orale, al Gemelli di Roma ambulatorio gratuito per diagnosi precoci

testa collo gola
Grazie a un innovativo dispositivo combinato con lampade dei dentisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un semplice dispositivo ottico che, abbinato alle lampade fotopolimerizzanti utilizzate negli studi dentistici, è in grado di rilevare le alterazioni patologiche della mucosa rappresentando un ausilio per la diagnosi precoce dei tumori del cavo orale oppure delle lesioni precancerose o potenzialmente maligne. Si chiama ‘Goccles’ (Glasses for oral Cancer – Curing light exposed – Screening) ed è stato realizzato dall’equipe dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Maxillofacciale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, guidata dal professor Sandro Pelo, ordinario dell’Istituto di Odontoiatria e Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Università Cattolica di Roma.

IL DISPOSITIVO

Il dispositivo, brevettato nel 2011 e commercializzato da Pierrel Pharma, azienda farmaceutica campana, ha vinto la medaglia d’argento nella sezione Diagnostica (categoria Medicale e Dentale) degli Edison Annual Awards 2019 negli Usa. “Esistevano già dispositivi simili- spiega all’agenzia Dire il professor Pelo- ma l’idea innovativa è rappresentata dal fatto che questo nuovo dispositivo ottico può essere abbinato ad una fonte di luce con una particolare frequenza, che tutti i dentisti utilizzano quotidianamente nei propri studi. Questi semplici occhiali, dotati di filtri ottici speciali, sfruttano il fenomeno della autofluorescenza della mucosa orale per distinguere le lesioni sospette del cavo orale (non sempre evidenti all’occhio umano), che appaiono come aree scure su sfondo verde, permettendo di approfondire l’esame clinico in modo rapido e non invasivo”.

LEGGI ANCHE

VIDEO | Sesso orale e tumore, la prevenzione è fondamentale

Tumori alla gola e sesso orale, casi in aumento del 300%: Papilloma Virus principale responsabile

TEST GRATUITI AL GEMELLI DI ROMA

Al Policlinico Gemelli, intanto, aprirà a breve un ambulatorio gratuito dedicato alle diagnosi precoci dei tumori del cavo orale. “Siamo pronti per partire ed è già disponibile un numero di telefono fisso (0630155304) a cui gli utenti possono rivolgersi per prendere un appuntamento- fa sapere il professor Pelo- In questo ambulatorio verranno condotti accertamenti clinici completi e, dove indicato, una biopsia con esame istologico”.

Dal Gemelli tengono ancora a precisare che gli occhiali ‘Goccles’ sono “uno strumento di aiuto diagnostico- sottolinea il professor Alessandro Moro, dell’Unità di Chirurgia Maxillo facciale dell’ospedale e coordinatore del progetto sul dispositivo- in grado di aumentare la capacità di individuare le lesioni che corrono il rischio di essere maligne”.

In Italia i pazienti con tumore del cavo orale sono 104mila e ogni anno, sempre nel nostro Paese, si registrano 9.700 nuove diagnosi. “Una visita dal dentista può aiutare a scovare in tempo il cancro del cavo orale- commenta infine Brunello Pollifrone, presidente della Commissione Albo Odontoiatri (Cao) di Roma- una malattia in aumento, anche a causa delle diagnosi tardive, che rappresenta l’8% dei tumori nell’uomo e l’1% nelle donne. Per questo l’iniziativa di aprire un ambulatorio gratuito al Policlinico Gemelli di Roma è lodevolissima. Una tempistica veloce della diagnosi- conclude- è essenziale per la risoluzione del tumore della bocca”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»