Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marche, la Regione aumenta i fondi per il sociale: In tutto 70,7 Mln /VD

Ceriscioli: "Mai tanta attenzione, i Comuni ci aiutino su efficacia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Un’attenzione al sociale come non c’era mai stata prima d’ora”. Il governatore delle Marche Luca Ceriscioli presenta con soddisfazione i numeri del Fondo per il sociale. Nel 2016 la Regione stanzierà 70.768.000 euro per il Sociale rispetto ad uno storico che si attestava a quasi 60.000.000 di euro. “Questo è un anno eccezionale per il sociale- ha premesso Ceriscioli- Grazie all’impegno forte del Governo nazionale che continua ad investire sul sociale e grazie al fatto che per la prima volta riusciamo ad impiegare risorse europee in modo significativo proprio in questo capitolo il plafond sarà di oltre 70,7 milioni di euro in totale. Un importantissimo risultato se si pensa che la legislatura era iniziata con poco più di 2 milioni di euro”. A queste risorse si aggiungono poi nel 2016 i 14 milioni di euro spettanti alle famiglie marchigiane del Fondo governativo per la lotta alla povertà e 6,4 milioni di risorse Pon (Programma operativo nazionale) nel periodo 2014/2020.


“Uno sforzo straordinario che significa una grande vicinanza e un forte impegno nei confronti di quella parte di popolazione che attende i fondi del sociale perché è in difficoltà- continua Ceriscioli- Le risorse in questione inoltre vanno ad integrarsi con quelle messe a disposizioni da ambiti e Comuni Tutto ciò dimostra la volontà di vicinanza dell’intero sistema regionale ad un bisogno primario come quello che la risposta sociale dà alle comunità”. Proprio ai Comuni il governatore Ceriscioli rivolge un appello affinché insieme alla Regione contribuiscano ad alimentare un sistema di Welfare efficiente.

“I Comuni hanno meno vincoli nell’impiegare le risorse destinate al sociale e dunque possono andare a coprire gli ambiti di intervento rimasti scoperti a causa della rigidità nell’utilizzo delle risorse regionali- conclude Ceriscioli– Occorre fare gioco di squadra. I Comuni possono avere un ruolo da ‘jolly’“. All’incontro ha partecipato anche il presidente della commissione Sanità Fabrizio Volpini (Pd) che ha sottolineato come ad inizio legislatura in consiglio regionale fossero state presentate tre diverse mozioni che chiedevano il ripristino del Fondo per Sociale. “Ringraziamo quindi questa giunta per la grande attenzione dimostrata– ha detto Volpini- Non solo per la quantità delle risorse a disposizione, ma anche per la semplificazione in funzione dell’organizzazione ed erogazione dei servizi ai cittadini. Con risorse certe è più facile programmare i servizi”.

di Luca Fabbri, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»