Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mattarella: “I vaccini sono essenziali, stop alle affermazioni sconsiderate”

Bisogna contrastare le decisioni prese "per ignoranza". Il presidente interviene durante la celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca sul Cancro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vaccini01ROMA – “Occorre contrastare con decisione gravi involuzioni, come accade, ad esempio, quando vengono messe in discussione, sulla base di sconsiderate affermazioni, prive di fondamento, vaccinazioni essenziali per estirpare malattie pericolose e per evitare il ritorno di altre, debellate negli anni passati”. Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la celebrazione al Quirinale della Giornata Nazionale per la Ricerca sul Cancro.

”Lo stesso contrasto – sottolinea il capo dello Stato – va posto quando, con scelte causate solo da ignoranza, si negano ai figli o ad altri familiari cure indispensabili. O ancora quando ci si affida a guaritori; o a tecniche di cui è dimostrata scientificamente l’inutilità. Sulla salute pubblica occorre essere rigorosi e usare fermezza quando la scelta tocca cosi’ direttamente la vita di un bambino o di qualunque persona, e comporta conseguenze per la condizione di salute degli altri, dell’intera società”.

LEGGI ANCHE

Vaccini, gli Ordini dei medici: “Radiazione per chi li sconsiglia”

Vaccini, in Italia preoccupante calo della copertura (a causa delle bufale)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»