Il richiamo dell’Arcivescovo di Bologna sulla droga: “Possiamo fare di più”

"Penso che il problema della droga sia meno visibile e quindi più pericoloso", dice Zuppi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ZuppiBOLOGNA – Contro la droga “possiamo fare di più, tutti quanti”. Lo ribadisce l’arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, dopo il decesso per droga di una ragazza nella zona universitaria.

“Penso che il problema della droga sia meno visibile e quindi più pericoloso“, dice Zuppi, a margine di un incontro sull’ambiente con il ministro Gian Luca Galletti al Campus Bononia.

“Onestamente- sottolinea- facciamo molto meno che venti o trent’anni fa, quando c’era una mobilitazione maggiore. Questa tragedia che si è manifestata ci deve fare interrogare”.

LEGGI ANCHE

Zuppi loda la decrescita: “Avere meno è meglio”

La lezione dell’Arcivescovo di Bologna ai bambini: “Non ascoltate chi teme gli stranieri”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»