A Udine arrestato sicario del narcotraffico VIDEO

Si tratta del colombiano Ramirez Melendez Fernsterbein Fernando, alias "Fexter"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – C’erano anche gli uomini del Gico di Bologna della Guardia di Finanza nell’operazione internazionale che martedì scorso ha portato all’arresto a Udine di un killer del narcotraffico colombiano di prima grandezza. Si tratta di Ramirez Melendez Fernsterbein Fernando, alias “Fexter”, un 29enne che dopo aver lasciato il suo paese- scrive il Messaggero Veneto- si era rifatto una verginità come disk jockey. Fexter, con regolare permesso di soggiorno, viveva a Udine da latitante da vero insospettabile, con due sorelle e una compagna, da cui ha avuto recentemente una bambina. Le fiamme gialle bolognesi hanno agito sotto il coordinamento dell’Interpol. Ora “Fexter” (che dopo il suo arresto ha ricevuto una valanga di solidarietà dal web ma anche i titoli a caratteri cubitali dei giornali colombiani visto che le autorità del suo paese avevano pure offerto una taglia per la sua cattura) fa sapere tramite il suo legale di rischiare la vita anche in cella se fosse estradato. Il killer avrebbe infatti lasciato il suo paese nel 2013 dopo la condanna a morte pronunciata dai cartelli concorrenti al suo. Secondo quanto scrive la stampa friulana Ramirez era luogotenente del leader della banda dei Rastrojos, attiva nell’Isola di San Andrés, nel Dipartimento di Antioquia, di cui Medellin è il capoluogo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»