Cultura, Franceschini: “Il 2016 anno nazionale dei Cammini”

L'idea è far diventare l'Italia "meta di turismo sostenibile, non solo concentrato nelle capitali d'arte, ma che attraversa tutta la bellezza italiana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il 2016 sarà l’Anno Nazionale dei Cammini”. Lo annuncia il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, a margine dell’incontro con tutti gli operatori del settore che si è tenuto oggi a Castel S.Angelo nel convegno intitolato ‘I cammini incontrano il Giubileo’.

via francigena

“I cammini sono il cuore di questo progetto- spiega il ministro- puntano a far diventare l’Italia la meta di un turismo sostenibile, non solo concentrato nelle capitali dell’arte, ma un turismo che attraversa tutta la bellezza italiana. I cammini sono una opportunità straordinaria per rivalutare zone intere del territorio italiano; un turismo povero, lento e che valorizza i posti meno conosciuti del nostro paese”. Quello che è avvenuto in questi anni a Santiago di Compostela, ricorda Franceschini, “in Italia può succedere in moltissime parti come il cammino di San Benedetto, San Francesco, la via Francigena e sull’Appia antica. Aver messo insieme tutti gli operatori, laici e religiosi, significa finalmente fare sistema attorno a un grande progetto non solo turistico ma culturale”, conclude. Nel corso del convegno è stata presentata una App che tra pochi giorni arriverà sul mercato che si chiama Francesco’s ways e che racchiude mappe, forum, punti di ristoro e ospitalità di tutti i cammini italiani.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»