Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minacce a Toti: denunciato pregiudicato no vax di Torino

Giovanni Toti presidente Liguria
Il 36enne, esperto di arti marziali, aveva numerosi precedenti penali, e gli investigatori "hanno letto nell'odio che traspariva da quei messaggi la determinazione di chi sarebbe potuto passare dalle parole ai fatti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Un pregiudicato no vax 36enne di Torino è stato deferito all’autorità giudiziaria dopo essere identificato come autore di numerosi insulti e minacce anonime ricevute dal presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, sui suoi profili social nelle ultime settimane. “Io ti sbudello”, “Se ti becco ti do tante di quelle mazzate…”, “Quante botte ti darei…”: sono solo alcuni dei messaggi recapitati via Facebook, Twitter e Instagram al governatore.

“Dopo una serrata e complessa attività di indagine- spiega la Polizia postale in una nota- gli esperti hanno riscontrato che a minare la serenità di Giovanni Toti era M.R., un no vax trentaseienne esperto di arti marziali di Torino con l’hobby del canto e numerosi precedenti penali, segno che il governatore, forse, qualche rischio lo correva realmente“.

Questa mattina all’alba, con un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova e in collaborazione col compartimento di Polizia postale e delle comunicazioni di Torino, è scattata la perquisizione dell’appartamento dell’indagato, il sequestro degli account social e dei device con i quali venivano perpetrate le minacce e il deferimento dell’uomo all’autorità giudiziaria. “Quando, qualche giorno fa, di fronte all’insostenibile perdurare della situazione, lo staff del presidente ha presentato un esposto alla Polizia Postale e delle Comunicazioni della Liguria- si legge ancora nella nota- gli investigatori hanno letto nell’odio che traspariva da quei messaggi la determinazione di chi sarebbe potuto passare dalle parole ai fatti e si sono messi al lavoro per individuare l’autore delle minacce”.

TOTI: “COMBATTERE L’ODIO SOCIAL È UN DOVERE, GRAZIE ALLE FORZE DELL’ORDINE”

Combattere l’odio degli haters che si nascondono dietro agli schermi dei computer e dei telefonini non solo è possibile, ma è un dovere. Per ogni leone da tastiera c’è la legge e io, nel mio ruolo di rappresentante delle istituzioni, non smetterò mai né di denunciare chi insulta e minaccia né di promuovere con tutte le mie forze la vaccinazione contro il Covid, senza indietreggiare di un centimetro perché è l’unica strada per uscire dalla pandemia e tornare il prima possibile alle nostre vite” ha commentato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti.

Il mio sincero ringraziamento è rivolto alle Forze dell’ordine che hanno identificato uno dei no vax dal quale da giorni ricevevo minacce- prosegue Toti- le segnalazioni erano state fatte direttamente dal mio staff, dopo che eravamo stati allertati dei rischi concreti e reali a cui eravamo esposti. Il lavoro mio e di tutti i sanitari impegnati nella campagna vaccinale proseguirà a pieno ritmo come abbiamo sempre fatto senza farci intimidire da nessuno: la grande adesione dei liguri mi conforta e dimostra che la maggior parte di loro crede nella scienza e vuole soprattutto tornare alla normalità, sconfiggendo definitivamente il covid”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»