Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Landini: “Patto sociale? Serve un progetto-Paese da costruire con le forze politiche”

landini
Il segretario generale della Cgil conferma le parole di Mario Draghi: "Troppa precarietà, dobbiamo evitare la pandemia dei salari"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un patto sociale tra sindacati e Confindustria? Abbiamo bisogno anche di qualcosa in più di un semplice patto, ma di un progetto-Paese da costruire tra parti sociali e con le forze politiche. Il problema non è il patto, ma i contenuti, che in questa fase sono decisivi”. Così il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, intervenendo alla tre giorni della Cgil a Bologna “Futura 2021. Partecipazione. Inclusione. Rappresentanza”.

“BISOGNA EVITARE LA PANDEMIA DEI SALARI, L’OCCUPAZIONE È TROPPO PRECARIA”

“Come ha detto da Draghi si sta creando un’occupazione con troppa precarietà, contratti a termine e della durata di qualche mese. Bisogna evitare la pandemia dei salari, dopo quella del virus” ha spiegato Landini.

“LUNEDÌ SIAMO STATI CONVOCATI DA DRAGHI SULLA SICUREZZA SUL LAVORO”

Lunedì siamo stati convocati da Draghi su salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, perchè qui si continua a morire”. Così il segretario generale della Cgil, intervenendo alla tre giorni della Cgil a Bologna.

“LA POLITICA HA PERSO LA RAPPRESENTANZA NEL MONDO DEL LAVORO, VA RECUPERATA”

“Alle forze politiche dico che c’è un problema, specialmente da chi rappresenta la parte progressista del Paese: va recuperata la rappresentanza del mondo del lavoro che in questi anni si è persa. Servirebbe una legge sulla rappresentanza”. Così il segretario generale della Cgil.

“ANNI SETTANTA TRATTATI MALE, FU STAGIONE AVANZATA SU DIRITTI”

Penso sia decisivo tenere in piedi diritti civili e sociali, invece negli ultimi anni c’è stato un arretramento. Nel nostro Paese, su questo, la stagione più avanzata è stata proprio quella degli Anni Settanta che invece ieri, ho sentito, sono stati trattati male, come qualcosa da superare. Non sono anni di cui scordarsi ma da cui imparare” ha aggiunto Landini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»