Roma, Morassut: “Se mi chiedessero di candidarmi? Vedremo, decide il gruppo dirigente”

Roberto Morassut, sottosegretario dem all'Ambiente, intervistato dall'agenzia Dire sulla sua disponibilita' a candidarsi come sindaco di Roma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io ho fatto esperienza di amministratore per tanti anni e ho misurato la fatica di che cosa significa. Credo che la ricerca del gruppo dirigente arrivera’ a una soluzione, poi vedremo”. Ha risposto cosi’ Roberto Morassut, sottosegretario dem all’Ambiente, intervistato dall’agenzia Dire sulla sua disponibilita’ a candidarsi come sindaco di Roma qualora il Pd glielo chiedesse.

“Questo personalmente non e’ un problema- ha specificato- nel senso che noi dobbiamo individuare una figura che sia competitiva, ma che abbia anche il senso di quale sia la fase di questa citta’ che richiede un impegno estremamente faticoso, non e’ una ribalta. Mai come adesso assumere la carica di sindaco significa farlo in maniera unica, con un approccio alla citta’ quasi di apostolato. Senza cercare carriere. Questo e’ il presupposto fondamentale dell’identikit della persona che insieme a tante altre, con un lavoro si squadra, dovra’ svolgere questo ruolo”.

Infine, per quanto riguarda i tempi, Morassut ha spiegato: “C’e’ un’istruttoria che sta facendo il gruppo dirigente, che si e’ dato un tempo successivo alle elezioni Regionali. Quindi ci affidiamo a quello che il gruppo dirigente del Pd insieme alle altre forze di coalizione fara’ nei prossimi mesi per individuare una candidatura competitiva, in grado di segnare una svolta necessaria alla nostra citta’. Da questo punto di vista siamo fiduciosi che questo risultato possa essere accolto presto“, ha concluso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»