I migranti salvati dalla Alan Kurdi sbarcheranno in Sardegna. Ma solo 25 resteranno in Italia

Il Viminale spiega di aver dato autorizzazione allo sbarco di 125 migranti a causa del maltempo. È stata avviata la procedura per il ricollocamento a livello europeo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La nave tedesca Alan Kurdi ha chiesto di poter sbarcare le persone a bordo e, in considerazione del previsto peggioramento delle condizioni meteo marine, ha inoltre chiesto di ridossarsi nella rada di Arbatax, riparo più vicino alla sua attuale posizione. Contestualmente all’autorizzazione a tali richieste, è stata avviata la procedura europea di ricollocamento dei 133 migranti soccorsi in mare di cui 125 sono ancora presenti a bordo. L’80% dei migranti soccorsi verrà trasferito in altri Paesi europei”. Così in una nota del Viminale.

SALVINI: FRANCIA FA VOCE GROSSA E ALAN KURDI VA IN SARDEGNA

“Roba da matti! La nave Ong tedesca ‘Alan Kurdi’, con 125 immigrati clandestini a bordo, era diretta a Marsiglia. La Francia protesta e fa la voce grossa, il governo italiano cede subito ed ecco che la nave si ferma in Sardegna (con buona pace di solidarietà europea, ricollocamenti e aiuti nella difesa delle frontiere esterne)”. Così su Facebook il segretario della Lega Matteo Salvini.

LAMORGESE: SOLO 25 RESTERANNO IN ITALIA

Sull’Alan Kurdi, “abbiamo richiesto la disponibilità dei vari Paesi europei ad accogliere queste persone. Abbiamo quindi trovato una collocazione per tutti i migranti meno 25 di loro che resteranno in Italia. Se la situazione relativa al meteo peggiorerà nei prossimi giorni, li faremo sbarcare, consapevoli che dopo i 14 giorni di quarantena verranno tutti ricollocati, meno appunto, i 25 che resteranno da noi”. Lo ha detto la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese in audizione in commissione alla Camera.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»