Brexit, la Corte Suprema sconfessa Johnson: “Lo stop al Parlamento è illegale”

Subito riaperto il Parlamento, con lo speaker Berchow che ha convocato i parlamentari. Ennesima sconfitta per Boris Johnson
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sospensione dei lavori del parlamento disposta dal primo ministro Boris Johnson a poche settimane dalla scadenza per Brexit del 31 ottobre è “illegale”: lo ha stabilito oggi la Corte suprema del Regno Unito.

Secondo l’emittente ‘Bbc’, l’ufficio del capo di governo “sta ora valutando il verdetto”. In quanto “illegale”, ha stabilito la Corte, la decisione di bloccare i lavori del parlamento è anche “nulla”.

La Corte ha aggiunto che il Parlamento è da considerarsi aperto e così lo speaker della Camera dei Comuni John Bercow ha immediatamente riconvocato tutti i deputati,

Per Boris Johnson si tratta dell’ennesima sconfitta, dopo l’approvazione da parte del parlamento della legge anti No Deal ed il rifiuto di elezioni anticipate prima del 31 ottobre, la deadline fissata dall’Ue per la Brexit.

LEGGI ANCHE: Brexit, cittadinanza negata a donna nata in Italia: ha passato 55 anni in Uk

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»