Doppio compleanno a Oltremare, torta di sardine per Ulisse e Cleo

Grande giornata di festeggiamenti ieri al parco di Riccione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – La coppia di delfini più famosi di Oltremare ha festeggiato gli anni domenica scorsa, 23 settembre, in compagnia di ben 2000 persone, agli addestratori e alla grande famiglia di tursiopi che nuotano nell’immensa Laguna, la più bella d’Europa.

I protagonisti del party sono stati Ulisse e Cleo che hanno raggiunto rispettivamente 21 e 24 anni d’età. Ulisse è il delfino più famoso di Oltremare, nato a settembre nel 1997 da mamma Candy, oggi pesa 214 kg. Cleo è la più timida del gruppo delle femmine, pesa 180 kg ed è nata sempre a settembre ma del 1994.

I festeggiamenti hanno visto gli addestratori portare alla mattina, per Cleo, una torta di sardine, a bordo di una canoa, con tanto di palloncini di Gabro Ballons, super colorati e pink. Nel pomeriggio la festa è andata avanti per Ulisse. Anche per lui un party coi fiocchi, con tantissimi palloncini tutti azzurri, festoni, canzoncine di rito e naturalmente una seconda torta di sardine e capelin, di cui Ulisse va ghiotto.

La festa è continuata poi per tutto il giorno in Dalmazia, davanti alla grande vasca di Pianeta Mare, dove i bambini (ma non solo) hanno lasciato centinaia di frasi e disegni per Ulisse e Cleo, sul librone degli auguri della bella famiglia di delfini.




Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»