Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zac Efron è il serial killer Ted Bundy, il film in tv il 24 agosto

Ted Bundy_fascino criminale
Tratta dal libro 'The Phantom Prince: My Life With Ted Bundy', è ispirato alla vera storia dell'assassino americano condannato a morte e giustiziato nel 1989
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Martedì 24 agosto alle 21.20 su Rai3 appuntamento da non perdere con il film di Joe Berlinger, in prima visione tv, ‘Ted Bundy – Fascino criminale‘. Protagonista della pellicola è Zac Efron, che interpreta uno dei più efferati serial killer americani, autore di decine di omicidi, che venne condannato a morte e giustiziato nel 1989. A fianco a lui, nei panni dell’ignara fidanzata, Lily Collins. Nel cast anche John Malkovich e Jim Parsons. Il film è l’adattamento cinematografico del libro “The Phantom Prince: My Life With Ted Bundy” di Elizabeth Kendall, fidanzata di lunga data di Bundy.

‘TED BUNDY – FASCINO DEL MALE’, SINOSSI

Ted è un ragazzo bello, intelligente, carismatico e affettuoso. Liz è una ragazza madre, attenta e innamorata. Una normale coppia felice, a cui in apparenza non manca nulla. Quando Ted viene arrestato e accusato di una serie di efferati omicidi, Liz viene messa a dura prova: chi è davvero l’uomo con cui condivide la sua vita? Mano a mano che i particolari vengono a galla capirà che Ted non è vittima di un grande equivoco ma il vero colpevole.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»