Scuola, Rusconi (Anp): “Al sud interventi per allargamento spazi quasi nulli”

Il presidente dell'Anp Roma e Lazio, Mario Rusconi, intervistato dall'Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mancano ormai poco piu’ di tre settimane all’avvio dell’anno scolastico. Sul calendario dei presidi, alle prese in questi giorni con il reperimento degli spazi dove sistemare gli alunni nel rispetto delle regole del distanziamento, c’e’ segnata in rosso la data dell’1 settembre: “Intorno a quel giorno – ha detto all’agenzia Dire, il presidente dell’Anp, Roma e Lazio, Mario Rusconi- il Comitato tecnico scientifico ci comunichera’ se bisognera’ partire con una didattica a distanza alternata per le classi piu’ numerose o se saranno sufficienti le mascherine e questo vale in particolar modo per quegli istituti a cui, in un primo momento, non saranno recapitati i banchi monoposto”. Questi ultimi infatti “arriveranno scaglionati tra settembre e ottobre”.

“Nella prima ipotesi- ha aggiunto Rusconi- si divideranno le classi in due gruppi, uno in presenza, l’altro in ‘dad'”. E ancora, “per quel che riguarda gli interventi di ‘ediliza leggera’ per cui il Governo ha stanziato fondi importanti e che prevedono l’allargamento degli spazi scolastici, la fotografia e’ quella di un Paese spaccato in due: da una parte il nord dove sono stati effettuati lavori in molti edifici scolastici, dall’altra il centro-sud – Lazio compreso – dove gli interventi sono vicini allo zero e in questi casi le criticita’ non mancheranno”, ha concluso Rusconi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»