Migranti, il monito del parroco siciliano: “Chi gioisce per l’ordinanza di Musumeci non venga a messa”

Lo scrive sul proprio profilo Facebook un sacerdote di Floridia, in provincia di Siracusa, don Lorenzo Russo, che guida la parrocchia San Francesco d'Assisi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Scrivo ai miei parrocchiani, a quanti tra questi oggi gioiscono per l’ordinanza di Musumeci convinti da domani di essersi liberati del problema delle migrazioni, a quanti osannano scelte politiche che non fanno il bene dei poveri di questo mondo ma guardano solo al proprio interesse. A voi dico: non venite a Messa, state perdendo tempo! Non giova a nulla battervi il petto, ascoltare la parola del Vangelo, nutrirvi dell’Eucarestia. La vostra ipocrisia vi precede“. Lo scrive sul proprio profilo Facebook un sacerdote di Floridia, in provincia di Siracusa, don Lorenzo Russo, che guida la parrocchia San Francesco d’Assisi.

LEGGI ANCHE:Migranti, il sindaco di Messina a Musumeci: “Guidaci alla sommossa”

“Chiedete coerenza a chi vi circonda, imparate voi ad essere coerenti con la fede che dite di professare – prosegue il sacerdote -. Senno’ saremo solo come i ‘sepolcri imbiancati’ di cui parla Gesu’: che si lasciano ammirare dalla gente per la loro bellezza esteriore, ma che all’interno custodiscono solo odore di morte. Convertiamoci al Vangelo, fratelli miei. Un giorno dovremo dare conto a Dio di tutto, delle parole come dei silenzi. Sull’amore saremo giudicati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»