Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riapre il Covid center di Loreto Mare a Napoli. Trasferiti primi 4 pazienti

NAPOLI - Da questa mattina alle 8 ha riaperto il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Da questa mattina alle 8 ha riaperto il Covid center dell’ospedale Loreto Mare di Napoli. Dall’Asl Napoli 1 Centro, apprende la Dire, saranno disponibili nella struttura 20 posti di degenza per pazienti positivi al nuovo coronavirus.

Questa mattina saranno trasferiti i primi quattro pazienti: si tratta di 4 migranti ospiti del centro d’accoglienza di via don Morosini a San Giorgio a Cremano. Sono tutti asintomatici ma ne e’ stata richiesta l’ospedalizzazione per evitare che il contagio possa diffondersi nella struttura.

Tutti i migranti positivi al Covid sono da anni in Italia e hanno contratto il virus sul territorio di San Giorgio a Cremano.
Oggi pomeriggio altri pazienti saranno trasferiti dall’altro Covid center di competenza dell’Asl Napoli 1, la struttura prefabbricata dell’ospedale del Mare di Ponticelli, al Loreto Mare di via Amerigo Vespucci. Nel centro Covid prefabbricato ci sono attualmente 23 pazienti ricoverati.

In tutta la Campania sono 61 i pazienti ricoverati con sintomi, due in terapia intensiva, entrambi ricoverati all’ospedale Cotugno di Napoli. Dall’azienda ospedaliera dei Colli si apprende che i posti letto di degenza ordinaria occupata sono 16, 11 quelli in terapia subintensiva.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»