Amatrice, Conte: “Dobbiamo ricostruire in fretta, chi protesta ha ragione”

"La ricostruzione è un processo lungo, ma stiamo cercando di velocizzarlo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Dobbiamo fare presto contro il rischio spopolamento di queste aree. E’ una corsa contro il tempo, dobbiamo fare presto. Sicuramente le risorse del Recovery Fund potranno dare un contributo per integrare quelle gia’ stanziate nell’obiettivo della fiducia di operosa e fattiva collaborazione tra governo ed enti territoriali”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Amatrice per ricordare le vittime del terremoto del 24 agosto 2016.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Lo sfogo di una signora ad Amatrice: “Stanchi delle promesse”. E Conte: “Dopo vengo a casa sua”

“Per la ricostruzione privata- prosegue Conte- abbiamo fatto molti interventi. Ci sono le premesse per procedere piu’ speditamente del passato e siamo qui per ascoltare e fare sempre meglio. Chi protesta ha perfettamente ragione”.

LEGGI ANCHE: Terremoto, i familiari vittime disertano per protesta la messa ad Amatrice

Tra 6 mesi o un anno non cambiera’ molto. La ricostruzione- aggiunge- e’ un processo lungo e complesso che stiamo cercando di velocizzare”.

LEGGI ANCHE: Terremoto, Mattarella: “Opera di ricostruzione ancora incompiuta”

Con il nuovo commissario Legnini c’e’ un quadro per accelerare la ricostruzione. Con la normativa vigente- spiega- era pressoche’ impossibile ricostruire, il commissario ora ha fatto delle buone ordinanze” e “ci sono le premesse per procedere piu’ speditamente del passato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»