Sos partita Iva: “Il governo sta sbagliando strada. Si rischia il colpo di grazia”

Risponde immediatamente Andrea Bernaudo, presidente di Liberisti Italiani: “Il governo con la scusa di semplificare con il versamento mensile e/o trimestrale delle tasse sta per dare l’ennesima polpetta avvelenata alle partita Iva"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il governo ora vuole il pagamento delle tasse mese per mese, o al limite ogni trimestre. Non è una semplificazione, ma un ulteriore attacco alle partite Iva già stremate e un enorme complicazione contabile”. E’ la posizione espressa sulla fanpage di Sos partita Iva, associazione che da molti anni porta avanti proposte e studi sul comparto partite Iva e imprese. 

“Se vogliono fare una cosa utile- continua- amplino il regime del 15% a tutte le attività produttive, senza tetti e senza complicazioni. Si paghi 1 volta l’anno e senza anticipi“. 

“Sul fronte previdenziale- conclude poi la nota di Sos partita Iva- lascino ai lavoratori autonomi/partite Iva la possibilità di scegliere anche enti privati in alternativa all’Inps su come costruirsi la propria pensione con sistemi a capitalizzazione”. A Sos partita Iva risponde immediatamente Andrea Bernaudo, presidente di Liberisti Italiani: “Il governo con la scusa di semplificare con il versamento mensile e/o trimestrale delle tasse sta per dare l’ennesima polpetta avvelenata alle partita Iva. Sottoscriviamo parola per parola la nota di Sos partita Iva, del resto abbiamo fatto nostre ed inserito nel programma di Liberisti italiani tutte le proposte, in materia economica e fiscale, portate avanti da questa meritoria associazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»