Scuola, gli psicologi: “Ansie e timori accompagneranno bimbi primaria”

La pandemia ha allontanato i bimbi dall'ambiente scolastico e la famiglia in questi giorni ha il compito di creare un clima sereno in vista della ripartenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA- Con il nuovo anno scolastico ripartirà anche l’ingresso al primo anno della scuola primaria, un giorno molto importante per tutti i bambini. Quest’anno lo sarà particolarmente, perchè i più piccoli hanno stretto legami intensi con i propri genitori e fratelli a causa della pandemia, subendo un distacco netto con i vecchi compagni della scuola dell’infanzia. “Dubbi, ansie, aspettative, timori, domande e fantasie accompagneranno questi bimbi durante il periodo che precede l’ingresso a scuola e anche i giorni successivi”. A dirlo è il team di psicologi impegnati nel progetto ‘Lontani ma vicini’ di Diregiovani.it e dell’Istituto di Ortofonologia(IdO) che, nell’ambito della task force per l’emergenza educativa del Ministero dell’Istruzione, offrono uno spazio di ascolto e supporto a studenti, docenti e genitori.

“Nell’attesa del grande giorno la famiglia deve creare un clima sereno– spiegano gli esperti- con una routine post vacanze, con regole e abitudini per aiutare i bambini a ristabilire ritmi e tempi utili al rientro. Bisogna sempre lasciare uno spazio per permettere ai propri figli di parlare del loro stato d’animo, senza escludere o minimizzare anche i vissuti legati a eventuali preoccupazioni o paure. Anche l’acquisto del nuovo zaino e del materiale per la scuola possono essere dei momenti di condivisione importante e dei rituali atti a sancire l’importanza del passaggio”.

Qualora alcuni bambini dovessero manifestare delle fragilità “è bene non essere giudicanti- proseguono gli psicologi- ma accoglienti. È inoltre importante non trasmettere un’eccessiva paura riguardo la possibilità di ammalarsi o di essere contagiati dal Coronavirus, basta spiegare le semplici regole da rispettare. I bambini- concludono- hanno tante risorse e riusciranno ad affrontare anche questa sfida nel miglior modo per loro possibile, ma è fondamentale dare loro tanta fiducia, serenità e sicurezza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»