A Bologna film porno sullo schermo di piazza Maggiore, lo fermano i Carabinieri

A dare l'allarme un'anziana signora bolognese in stato di agitazione per quanto visto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Troppo ghiotta l’occasione di avere a completa disposizione il maxischermo di piazza Maggiore, a Bologna, tra i più grandi e invidiati al mondo: e così qualcuno stanotte ha pensato di approfittarne per proiettare un film porno e accomodarsi comodamente sulle sedie del cinema in piazza per vederlo in compagnia.

A riferire la vicenda sono i Carabinieri, allertati da un’anziana “fuggita” dalla piazza a causa di quanto visto sul maxischermo. “Questa notte, intorno alle 2.10- riferisce l’Arma- una pattuglia dei Carabinieri del nucleo Radiomobile del Comando provinciale di Bologna, impegnata in un controllo del territorio in via IV Novembre, è stata fermata da un’anziana bolognese in evidente stato di agitazione che riferiva di essere fuggita da piazza Maggiore perché sul maxischermo installato in occasione della XXVI edizione di ‘Sotto le stelle del cinema’, stavano proiettando un film pornografico”.

I militari, “increduli alla notizia”, si sono “diretti velocemente nella vicina piazza- continua la nota- e quando sono arrivati, hanno potuto verificare l’attendibilità dell’informazione, notando che qualcuno stava proiettando un film pornografico sul maxischermo”.

La proiezione “è stata immediatamente interrotta dai Carabinieri che hanno sorpreso il responsabile, un 24enne italiano– riferisce l’Arma- in compagnia di una decina di amici, seduti in fondo alla fila di sedie e impegnati nella visione del film hard che lo stesso stava proiettando col suo pc portatile”.

Il giovane ha ammesso le sue responsabilità e ora dovrà rispondere di atti contrari alla pubblica decenza (ai sensi dell’articolo 68 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e dell’articolo 726 del Codice penale).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»