Milano sott’acqua, paura per gli allagamenti: esonda il Seveso

Violento temporale, molto colpita la zona Nord
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA  – Bombe d’acqua e maltempo su Milano e la Brianza dalle prime ore del mattino. Alle 6.20 il primo post su Facebook dell’assessore di Palazzo Marino con delega alla protezione civile Marco Granelli specificava che il Seveso aveva “livelli bassi ma si prevede innalzamento repentino”. Più tardi, come mostrano le foto postate da Granelli e da alcuni cittadini, è peggiorata la situazione di fiumi e sottopassi. Alcune abitazioni sono rimaste senza corrente elettrica. L’onda di piena è arrivata poco prima delle 8 e ha provocato, tra i vari disagi, la chiusura della fermata M5 Marche.

Molti i cittadini, soprattutto automobilisti, che hanno condiviso sui social la cronaca di un inizio giornata molto difficile: le strade si sono trasformate presto in torrenti, specie nei pressi di Paderno Dugnano e Cinisello Balsamo. 

I BLACK-OUT

Le squadre di Pronto Intervento di Unareti sono al lavoro ininterrottamente dalle prime ore della mattina per riattivare l’erogazione della corrente elettrica ad alcune famiglie dei quartieri maggiormente colpiti dal nubifragio che si è abbattuto sulla città.

Parte delle utenze sono state già rialimentate e gli sforzi si stanno ora concentrando sui punti più critici. Nel corso della mattinata è stato più che raddoppiato il numero delle squadre di pronto intervento in servizio: sono ora 20, dotate dell’attrezzatura necessaria per effettuare le operazioni di svuotamento delle cabine elettriche allagate, che prima di poter essere rialimentate necessitano di accurate operazioni di asciugatura della durata di alcune ore. Si invitano a segnalare eventuali problemi relativi alla situazione esclusivamente al numero di pronto intervento 800 933301 per una migliore gestione. E’ inoltre attivo un servizio dedicato per ricevere via SMS le segnalazioni di Unareti riguardo interruzioni accidentali o programmate che interessano la propria zona.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»