fbpx

Tg Riabilitazione, edizione del 24 luglio 2019

UN ROBOT PER VIVERE MEGLIO, GUGLIELMELLI (UCBM ROMA): VI SPIEGO I-RIM

Robot e macchine intelligenti a vantaggio del benessere dei cittadini e della società. Oggi tutto questo e’ realta’. I protagonisti che danno vita alla ricerca e all’industria piu’ visionaria trovano casa nel neonato Istituto di robotica e macchine intelligenti (I-Rim) che vede tra i protagonisti anche quel settore dell’industria piu’ spiccatamente aperto alle tecnologie avanzate. A spiegare il ruolo essenziale di questi ritrovati nel campo della medicina, della chirurgia e della riabilitazione all’agenzia di stampa Dire e’ stato il professor Eugenio Guglielmelli, prorettore dell’Universita’ Campus Bio-Medico (Ucbm) di Roma e membro fondatore I-Rim.

AIFI LANCIA ‘PRONTO FISIO’, SPORTELLO TELEFONICO PER CITTADINI

“Fatti consigliare”. L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, lancia ‘Pronto Fisio’, un nuovo servizio dedicato ai cittadini: telefonando al numero (+39) 366.41.69.341, attivo tutti i mercoledi’ dalle 14 alle 18 fino a dicembre 2019, sara’ possibile chiedere l’assistenza di un fisioterapista competente e avere la risposta alle proprie domande di salute, oltre che ricevere suggerimenti per prendersi cura del proprio corpo e del proprio benessere. ‘Pronto Fisio’ e’ anche disponibile tramite e-mail, scrivendo all’indirizzo [email protected] I fisioterapisti di AIFI possono aiutare in diversi modi: spiegando se e come e’ possibile risolvere il problema con la fisioterapia; Descrivendo una particolare terapia fisioterapica o riabilitativa da svolgere; Consigliando su cosa sia meglio fare in seguito a un incidente o a un trauma. E ancora supportando il cittadino e facendogli scoprire quante cose puo’ risolvere un fisioterapista preparato. Il servizio si rivolge al mondo pediatrico e della crescita, a quello sportivo, del lavoratore, dell’anziano. Il servizio offerto dall’AIFI rientra nelle iniziative per celebrare i 60 anni di esperienza e attivita’.

ADRIANI: IN ITALIA 17 MLN PERSONE PRATICANO SPORT, MA ATTENZIONE EFFETTI COLLATERALI

In Italia circa 11,5 milioni di persone praticano uno o piu’ sport con continuita’, mentre 5,5 milioni lo praticano saltuariamente per un totale di 17 milioni di soggetti coinvolti. E se lo sport viene considerato un rimedio curativo in molti soggetti, e’ anche vero che un’intensa attivita’ fisica puo’ generare delle problematiche. Per saperne di piu’ l’Agenzia Dire ha intervistato il dottor Ezio Adriani, responsabile del Centro di Traumatologia dello Sport e Chirurgia del Ginocchio del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma, dove entro il 2019 aprira’ anche una nuova unita’ operativa dedicata a questo settore.

A SAN RAFFAELE NUOVI LABORATORI MALATTIE NEURODEGENERATIVE

I ricercatori che lavoreranno nei nuovi laboratori di Neuroscienze dell’Irccs San Raffaele Roma, punteranno i loro studi sulla comprensione dei meccanismi che comportano l’insorgenza di patologie come il Parkinson, l’Alzhaimer e la sclerosi multipla. “Un obiettivo importante,- dichiara Massimo Fini, il direttore scientifico dell’Irccs San Raffaele Pisana – considerati anche i numeri dell’incidenza di queste patologie e i relativi costi. I nuovi laboratori del San Raffaele “hanno un duplice obiettivo. Il primoe’ di potenziare la ricerca internazionale per andare a individuare i
meccanismi patologici alla base delle malattie neurodegenerative
e di andare a individuare nuove terapie”. “Il secondo obiettivo- prosegue Fini- e’ focalizzarci sulla riabilitazione per andare a capire i meccanismi molecolari e cellulari del recupero fisico. La riabilitazione e’ ormai un momento imprescindibile del percorso terapeutico, ma vanno meglio chiarite quali sono le basi che portano al recupero. Questo consentira’ di fare terapie personalizzate e piu’ efficaci”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

24 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»