Tav, sui social rabbia e ‘vaffa’ contro Di Maio: “Traditore, Ponzio Pilato”

La rabbia del popolo grillino anti Tav esplode via social nella pagina facebook del leader 5 stelle, dove ci sono già quasi 10 mila commenti al suo post
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tra insulti e vaffa la rabbia del popolo grillino anti Tav esplode via social nella pagina facebook del leader 5 stelle Luigi Di Maio, dove ci sono già 10 mila commenti al suo post.

LEGGI ANCHE Conte dice sì alla Tav. Salvini esulta, Di Maio incassa: “Deciderà il Parlamento”

Con il si alla TAV, avete firmato la vostra condanna a morte politica“, afferma Simone, mentre non usa perifrasi Carlo: “Addio e Vaffanculo“. Ironizza Federico “Avete finalmente trovato il modo per tirarvi fuori, facendo dire si a Conte. Una specie di mandato zero“. Duro Lino: “Pur di conservare LA POLTRONA stai letteralmente umiliando tutti i principi fondativi del Movimento. E l’analisi COSTI-BENEFICI? Ma non ti vergogni?“. Seguito a ruota da Francesco: “Abbiate il coraggio di dimettervi tutti, in primis Conte e poi il giggino. Stai distruggendo il movimento per mantenere la tua poltrona. Ripeto andate a casa tutti”.

Anche Paoletto se la prende con Di Maio: “Ma quando ci libererai della tua inutile presenza? Hai tradito su tutta la linea…a mai più, traditore degli elettori”. Tad sottolinea: “”La maggioranza in parlamento è per il SI-TAV, lo sai già Giggino. Da oggi è ufficiale: il M5S non governa nulla, è inginocchiato a Matteo Salvini”. Emanuel attacca: “Cosi da bravo Ponzio Pilato permetti a PD Forza Italia e Lega di avere la maggioranza declinando ogni responsabilità.

“Ma pensi che noi Italiani siamo così scemi? Peggio del PD siete“. Ma finiscila di fare il buffone. Sai benissimo che in Parlamento c’è una solida maggioranza Si TAV”, dice Michele. Ma c’è anche chi difende il vicepremier come Roberto: “Mi fido di Conte e non denigrate Di Maio che altro dovrebbe fare?”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»