Egitto, escalation di violenze tra musulmani e cristiani

A innescare le violenze spesso e' la volonta' dei copti di costruire nuove chiese, fatto che incontra l'opposizione dei musulmani fondamentalisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Minya01

ROMA – Violenti scontri hanno opposto negli ultimi giorni la comunita’ musulmana contro quella cristiana in Egitto, nel governatorato di Minya. Il bilancio e’ di 9 feriti, 5 tra i musulmani e 4 tra i cristiani. Le tensioni sono riprese frequenti in tutto il Paese da fine maggio, cosi’ come riporta l’emittente ‘France 24’, e molti contestano interventi troppo tardivi e superficiali da parte della polizia. A innescare le violenze spesso e’ la volonta’ dei copti di erigere nuove chiese, fatto che incontra l’opposizione dei musulmani fondamentalisti. Altra ragione di intolleranza sono le unioni miste. Secondo una ong locale, dalla rivoluzione del 2011 gli attacchi contro la minoranza copta sono stati quasi 80. Dopo i fatti di Minya, anche il Grande imam di Al-Azhar – storica universita’ islamica a cui viene riconosciuta anche grande autorevolezza – Sheikh Ahmed Al-Tayyib, ha invocato la fine degli scontri e la strada del dialogo per ricomporre le incomprensioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»