People mover, Comune di Bologna in stand-by

BOLOGNA - Come amministrazione comunale "siamo in attesa di ricevere aggiornamenti dalla società in merito alla copertura della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Come amministrazione comunale “siamo in attesa di ricevere aggiornamenti dalla società in merito alla copertura della quota mancante di finanziamento” per la realizzazione del People mover: quando questo aspetto sarà chiarito, “il da farsi lo valuteremo in base ad un unico faro, che è quello dell’interesse pubblico”. Così l’assessore alla Mobilità del Comune di Bologna, Andrea Colombo, rispondendo in question time ad un’interrogazione di Marco Piazza (M5s).

Da un lato, finora è stata acquisita “una rilevante parte della copertura economico-finanziaria per la realizzazione del progetto”, afferma Colombo; dall’altro, però, “un po’ all’ultimo minuto e inaspettatamente- ricorda l’assessore- una delle tre banche finanziatrici si è tirata indietro, ponendo condizioni che non potevano essere sostenibili per la Marconi Express”.

Si tratta di Banca Imi, mentre Unipol e Unicredit hanno deliberato positivamente. A questo punto la Marconi Express si è “attivata per ricercare ulteriori e possibili istituti di credito disponibili a coprire la parte mancante del finanziamento”, continua l’assessore, che al momento resta in attesa di “aggiornamenti” sul punto. Per quanto riguarda gli orientamenti sui tempi e sulla prosecuzione del progetto, queste “non sono valutazioni che attengono strettamente alla sfera della discrezionalità politica, ma riguardano più strettamente gli aspetti amministrativi di gestione contrattuale- afferma Colombo- che a mio avviso devono rispondere a un unico faro, che è quello dell’interesse pubblico. Da questo punto di vista, quindi, andranno valutati gli elementi effettivamente a disposizione”. (Prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento)

di Maurizio Papa

Giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»