NEWS:

Cinquanta (o 100) euro per un ombrellone: se la spiaggia diventa un lusso. E occhio agli alloggi-truffa

Rincari ovunque per ombrelloni e lettini, in Toscana la spesa può arrivare anche a 100 euro al giorno. Le vacanze nascondono spesso spese salate e anche truffe: i consigli di Udicon per evitare truffe con alloggi e pacchetti vacanza

Pubblicato:24-06-2024 15:03
Ultimo aggiornamento:24-06-2024 15:22
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

BOLOGNA – Tra truffe e rincari, con la stagione delle vacanze i cittadini si confermano sempre più l'”anello debole” della filiera del turismo. Ne è convinto il presidente di Udicon Emilia-Romagna Vincenzo Paldino, che in vista degli esodi estivi traccia il quadro di cosa aspettarsi per i viaggiatori. “Per quanto riguarda il turismo e quindi tutti i servizi, i pacchetti vacanza, il trasporto turistico… i consumatori sono l’anello debole, come al solito, di tutta la catena”.

LEGGI ANCHE: Ombrellone quanto mi costi! ecco le spiagge più care dell’estate 2024

RINCARI OVUNQUE, A GALLIPOLI 50 EURO PER UN OMBRELLONE. IN TOSCANA 100

Ad esempio, registra l’osservatorio dell’associazione dalle segnalazioni dei cittadini, “sotto l’ombrellone riscontriamo aumenti netti del 15-20%, anche all’interno della nostra regione, quindi sulla riviera romagnola”. Ma non va meglio nelle altre zone d’Italia, come “a Gallipoli, in Puglia, dove un ombrellone può arrivare a costare anche 50 euro, o zone della Toscana può arrivare a più di 100 euro”. Questo è il sintomo, secondo Paldino, di un concetto di spiaggia intesa non più come “diritto dei cittadini, ma come lobby, un lusso. E questo, insomma, non è bello per un Paese come il nostro, che ha tante migliaia di chilometri di costa”.


ATTENTI AI PACCHETTI VACANZE, COME EVITARE FREGATURE

Poi c’è tutto il tema delle truffe legate ai pacchetti vacanze, con aumenti dei soggiorni negli hotel “fino al 68%”. Per questo “dobbiamo mettere in guardia i consumatori dalle truffe, perchè questi soldi almeno cerchiamo di spenderli bene”. Quindi bisogna adottare qualche accorgimento per evitare di rimanere fregati. “Qualche consiglio che possiamo dare? Intanto se andiamo in siti di domanda e offerta di alloggi o di pacchetti turistici, stiamo particolarmente attenti alle offerte private– avverte Paldino- valutiamo bene, cerchiamo di farci mandare tutti i documenti. Quando ci viene chiesto di ricaricare Postepay o altre carte precaricate, quello è un campanello d’allarme”. Il rischio in questi casi è che “andiamo davanti alla casa, che pensiamo quella delle vacanze, e in realtà invece è un’altra abitazione dove abita un’altra persona che non ha messo in affitto. Quindi attenzione agli annunci privati”.

“VERIFICARE SEMPRE BENE I CONTRATTI”

Per questo Udicon si mette a disposizione per assistere i cittadini in caso di bisogno. “Chiamate anche le associazioni dei consumatori per valutare l’annuncio- è l’appello di Paldino- noi siamo a disposizione”. E poi, il consiglio finale è di “verificare bene cosa c’è scritto nei pacchetti turistici, perché tanti consumatori poi vengono in ufficio da noi a settembre, lamentando che tante cose che gli erano state promesse poi sono state a pagamento. Verifichiamo bene i contratti, verifichiamo bene cosa c’è dentro”, conclude il presidente di Udicon Emilia-Romagna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy