Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sale sull’auto con un palo di ferro e la danneggia: arrestato a Firenze

straniero danneggia auto firenze
Un cittadino straniero ha brandito una spranga e ha danneggiato i vetri di una macchina parcheggiata in via del Porcellana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Attimi concitati quelli vissuti stamattina alle 10 circa, in via del Porcellana, non lontano da Piazza Santa Maria Novella a Firenze, dove un cittadino straniero è salito sul tetto di un’auto in sosta brandendo un palina in ferro per recinzioni mobili. L’uomo, per motivi in corso di accertamento, prima di essere arrestato ha danneggiato il vetro anteriore del mezzo e poi il lunotto posteriore.

La scena, che dura alcuni minuti, è stata ripresa con uno smartphone. Nel video diffuso dal Sindacato di Polizia Coisp si vedono due agenti di Polizia che cercano di placare lo stato di agitazione dell’uomo. “Stai calmo, vogliamo solo aiutarti”, ripete uno dei poliziotti mentre l’uomo in piedi sul tetto dell’auto, proferendo parole in lingua straniera, solleva il palo in alto e poi spacca i vetri. La situazione si risolve quando uno degli agenti approfittando di un momento di distrazione dell’uomo riesce a disarmarlo. Inutile il tentativo di fuga, l’uomo viene fermato, ammanettato e portato in Questura sotto gli occhi dei passanti.

LEGGI ANCHE: A Firenze nasce Robin Food, la coop sostenibile dei rider

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»