Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, tentano per tre volte di investire uno studente “per gelosia”

incidente auto macchina ammaccata tamponamento
I Carabinieri di San Lazzaro hanno denunciato due italiani incensurati per aver tentato di colpire con l'auto un ragazzo accusato di aver "rubato" la fidanzata a uno dei due
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Investito da un’auto per vendetta o per gelosia come dicono i Carabinieri. È successo ad uno studente maggiorenne, soccorso dai sanitari del 118, medicato e giudicato guaribile in 15 giorni: contro di lui ha puntato la sua macchina un automobilista che ha provato a colpirlo per tre volte per poi andarsene senza soccorrerlo.

I Carabinieri di San Lazzaro hanno scoperto che dietro a tutto questo c’era appunto una vendetta o, come scrivono in una nota, “la gelosia”: c’era stata, qualche istante prima dell’investimento, una discussione tra lo studente e un amico del conducente; quest’ultimo lo accusava di avergli “rubato” la fidanzata.

I Carabinieri di San Lazzaro hanno quindi denunciato due italiani, maggiorenni e incensurati, per lesioni personali colpose, chi guidava l’auto e il passeggero suo amico. “Ricostruendo accuratamente i fatti”, i Carabinieri hanno scoperto che “il pedone non era stato investito accidentalmente, ma intenzionalmente e per tre volte da un’automobilista che trasportava un passeggero”, specifica la nota dell’Arma che racconta l’episodio e specifica che l’automobilista dovrà rispondere anche di fuga del conducente in caso di lesioni personali stradali.

LEGGI ANCHE: A Bologna ripartono anche i burattini di Pazzaglia, che merita la Turrita d’argento

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»