Meloni invita a non scaricare Immuni, Di Stefano (M5s) attacca: “Irresponsabile, può salvare vite”

Per la Meloni si tratta di "un'iniziativa fatta in violazione delle norme italiane", Di Stefano: "Attacchi incomprensibili e disinformazione"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non ho scaricato l’app Immuni e invito tutti a non scaricarla”. Cosi’ la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ospite di “Non e’ un Paese per giovani”, su Radio2.

“Non c’e’ stata una gara pubblica, e’ un’iniziativa fatta in violazione delle norme italiane. Sarebbe stato doveroso un passaggio in Parlamento e avere delle certezze circa il fatto che i dati raccolti non diventino uno strumento da Grande fratello per lo Stato. Non c’e’ stato nulla di tutto questo. I dati sulle condizioni sanitarie e sugli spostamenti di milioni di italiani sono forse il business piu’ appetibile del mondo anche per le case farmaceutiche”, aggiunge Meloni.

DI STEFANO: PUO’ SALVARE VITE, MELONI IRRESPONSABILE

“Non c’e’ mai limite al peggio. In maniera del tutto irresponsabile oggi la Meloni, in scia a Salvini, invita i cittadini a non scaricare l’app Immuni farneticando menzogne a puro scopo elettorale. L’app Immuni non solo e’ uno strumento utile per il contenimento dei contagi ma puo’ salvare la vita a tante persone. Eppure neanche questo basta a fermare la macchina della propaganda, che evidentemente si e’ gia’ messa in moto in vista delle regionali. Meloni sa che sono previste tutte le garanzie a tutela della privacy secondo i piu’ alti standard internazionali validati anche dal Parlamento stesso, ma sceglie di diffondere fake news con il solo risultato di danneggiare gli italiani. In un momento cosi’ delicato per il Paese ci saremmo aspettati un atteggiamento piu’ serio, non attacchi incomprensibili e disinformazione”. Lo dichiara in una nota il Sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»