Tg Riabilitazione, edizione del 24 giugno 2020

E' online l'edizione settimanale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CONSIGLI FISIOTERAPISTI PER EVITARE FRATTURE ANZIANI

Come può un anziano ritornare a una ‘vita normale’ dopo tre mesi di clausura forzata, evitando cadute e fratture? Per rispondere a questa domanda il Gruppo di Interesse Specialistico-GIS di Fisioterapia Geriatrica AIFI ha promosso una campagna ad hoc. “Occorre ricordare che la prevenzione delle cadute è una sfida sanitaria per l’invecchiamento della popolazione- dice Anna Maria Foggetti, tra i promotori dell’iniziativa e componente del GIS- poiché il numero di casi aumenta proporzionalmente all’incremento del numero di anziani in tutti i Paesi del mondo. Bisogna quindi muoversi responsabilmente dentro e fuori casa”.

MONTECATONE REHABILITATION RIFERIMENTO CEREBROLESIONI

Incidenti stradali e altre gravi patologie possono provocare in alcuni casi lesioni midollari o cerebrali importanti che richiedono cure ad alta specializzazione. Un ospedale riferimento, in Emilia Romagna e non solo, è il Montecatone Rehabilitation Institute. Ne ha parlato con l’agenzia Dire la dottoressa Monika Zackova, nuovo direttore dell’Area Critica.

ICTUS, SPERIMENTATO PROTOCOLLO IDROCHINESITERAPIA

Un trial clinico effettuato alla Fondazione Santa Lucia Irccs, a Roma, ha validato un nuovo protocollo di idrochinesiterapia che, rispetto alla terapia in acqua tradizionale, offre un incremento del 30% nel livello di recupero delle funzioni motorie, riuscendo a camminare senza la necessità di un ausilio e migliorando l’equilibrio. I pazienti che hanno partecipato al nuovo protocollo, denominato ‘Approccio Propedeutico Sequenziale’, sono stati 33, compresi tra i 25 e gli 80 anni, colpiti da ictus e con diagnosi di emiplegia, seguiti con trattamento ambulatoriale 2 volte a settimana.

VENTURA (OPBG ROMA): IL 5% BAMBINI HA DISTURBI PRIMARI LINGUAGGIO

Non c’è un preciso momento della vita in cui tutti i bebè emettono la prima o le prime parole. Generalmente, comunque, intorno ai 24 mesi il vocabolario del bambino arriva a disporre di circa 200 parole. E se questo non dovesse accadere? Quando i genitori devono preoccuparsi? La Dire ha approfondito l’argomento con Mauro Ventura, logopedista del Dipartimento di Neuroscienze del Bambino Gesù di Roma, che ha spiegato che “il 5% dei bambini ha disturbi primari del linguaggio”.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»