Bossoli e minacce di morte al segretario dimissionario Cisl-Fim Marco Bentivogli

Contenuti in una busra trovata vicino la casa del sindacalista a Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Una busta contenente 3 cartucce di pistola, una calibro 38 e due calibro 9 e minacce di morte e’ stata trovata a Roma vicino casa del segretario generale dimissionario della Fim Cisl, Marco Bentivogli. “Festeggeremo insieme l’accordo di Pomigliano. Ovunque a Roma o ad Ancona, non bastano le dimissioni”, il messaggio allegato alla busta. Indagano gli uomini della Digos e la scientifica intervenuti sul posto dove era presente la scorta, assegnata a Bentivogli per precedenti minacce ricevute. 

MINACCE A BENTIVOGLI, FIOM: “INACCETTABILE OGNI INTIMIDAZIONE”

“La Fiom considera inaccettabili le minacce a Marco Bentivogli e come sempre nella sua storia, condanna ogni intimidazione e atto di violenza. Il terrorismo e le intimidazioni sono da sempre estranei e nemici della democrazia, del pluralismo e di tutto il sindacato”. Lo dichiara in una nota la Fiom-Cgil nazionale.

FIM CISL PUGLIA: “MINACCE NON FERMERANNO BENTIVOGLI”

“Non saranno cinque proiettili meschinamente inviati a fermare l’azione del nostro segretario nazionale Marco Bentivogli. Siamo vicini umanamente e sindacalmente, a Marco Bentivogli, per le minacce ricevute. Marco non e’ solo e per questo chi, nascondendosi vigliaccamente dietro l’anonimato, pensa di fermare la sua azione sindacale non ci riuscira’. Noi siamo tutti con lui. I proiettili che il nostro segretario nazionale ha trovato tra la posta consegnata a casa sua sono la dimostrazione che i sindacalisti autentici sono sotto attacco. Marco Bentivogli non e’ nuovo ad atti intimidatori, tant’e’ che da anni viaggia sotto scorta. A Marco va la solidarieta’ della Fim Cisl di Puglia. Spero che questo episodio non venga derubricato a gesto folle di qualcuno o a una sorta di scherzo, perche’ cosi’ faremmo il gioco di chi ha forse cercato di intimorire e minare l’autonomia di Bentivogli e del sindacato. La Fim Cisl Puglia e’ pronta a sostenere il segretario Marco Bentivogli e tutti coloro i quali sceglieranno sempre la legalita’, condannando atti come questo”. Cosi’ in una nota il Segretario Generale Fim Cisl Puglia, Gianfranco Gasbarro.

FURLAN (CISL): “SOLIDARIETA’ A BENTIVOGLI PER LE GRAVI MINACCE RICEVUTE”

 “Un fatto grave le minacce ricevute oggi da Marco Bentivogli e dalla Fim Cisl cui va tutta la nostra massima solidarieta’ e vicinanza. La Cisl e tutto il sindacalismo libero e riformista non si faranno intimidire da questi atti ignobili su cui le autorita’ giudiziarie devono indagare con determinazione e fare luce senza tentennamenti”. Lo scrive su twitter la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»