Olimpiadi 2026, trionfo Italia: sede assegnata a Milano e Cortina

Il voto di Losanna ha incoronato il nostro Paese. I prossimi Giochi invernali si terranno tra Lombardia e Veneto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LOSANNA  – I Giochi Olimpici e Paralimpici invernali del 2026 si terranno in Italia, a Milano e Cortina. Lo ha annunciato il presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach, nello SwissTech Convention Center di Losanna dove si sta svolgendo la 134sima sessione del Cio.

All’annuncio della vittoria di Milano-Cortina è scattato l’abbraccio del presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla coordinatrice della candidatura di Milano-Cortina, Diana Bianchedi, ma anche l’esultanza di Giuseppe Sala, sindaco di Milano, e le lacrime della delegazione italiana presente allo SwissTech Convention Center di Losanna mentre nell’Auditorium si alza il grido ‘Italia, Italia’ e sventola il Tricolore.

E’ stato di 47 voti a 34 (con un astenuto) il risultato della votazione nello SwissTech Convention Center di Losanna, in favore della candidatura italiana di Milano-Cortina contro quella svedese Stoccolma-Are per l’organizzazione delle Olimpiadi invernali del 2026.

Per la vittoria di Milano-Cortina come sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali del 2026 “ha pesato oltre l’80% di consenso popolare, a fronte del 55% della Svezia”, ha detto il presidente del Cio, Thomas Bach, uscendo dall’Auditorium dello SwissTech Convention Center di Losanna.

LEGGI ANCHE Milano vuole i Giochi: per le Olimpiadi 2026 è un plebiscito

Sono molto emozionato, è un risultato molto importante non solo per me ma per l’intera nazione. Sono davvero orgoglioso di questa squadra che abbiamo creato tutti insieme senza differenze di colore politico”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, dopo la vittoria di Milano-Cortina per i Giochi Olimpici e Paralimpici invernali del 2026.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»