Sea watch, la Ue: “Rispettare gli imperativi umanitari”

A bordo della nave decine di migranti attendono di poter sbarcare dal 12 giugno. La commissione europea pronta a sostenere sforzi di solidarietà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – La Commissione europea “segue da vicino” la situazione della Sea Watch 3, dal 12 giugno in attesa di un porto dove sbarcare le decine di migranti che trasporta e fa appello agli Stati membri perché tengano in mente “gli imperativi umanitari”.

Alcuni migranti erano stati evacuati quasi subito per ragioni mediche, “anche per gli altri”, ha detto un portavoce dell’Unione Europea oggi a Bruxelles durante la conferenza stampa di mezzogiorno.

“Servono soluzioni urgenti e sostenibili” ha sottolineato il responsabile. “L’Ue farà il possibile per sostenere e coordinare eventuali sforzi di solidarietà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»