Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccini, Zaccagnini (Mdp): “Da Lorenzin fake news su morte di un bambino”

"Il primario dell'ospedale di Monza ha voluto smentire questa versione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Lorenzin, Gelli, Burioni ed altri hanno strumentalizzato politicamente la morte di un bambino e criminalizzato falsamente una famiglia per fare campagna elettorale a favore del loro decreto legge e per suffragare la tesi dell’immunità di gregge come se fosse un’evidenza scientifica”. Così Adriano Zaccagnini, gruppo Mdp alla Camera, torna ad attaccare i vaccini.

“Costoro hanno cercato di far credere che la causa della morte fosse stato il contagio dai fratellini, quando invece il primario dell’ospedale di Monza ha voluto smentire questa versione, ed anzi trattasi di un probabile caso di malasanità e di contagio in ospedale. Siamo in una situazione senza precedenti e vergognosa, la ministra della Salute si lamenta delle fake news ed è la prima a produrne in quantità industriale”, attacca.

“Non è bastata la vicenda Gardaland di pochi giorni fa o le sue passate dichiarazioni tv di morti, in realtà mai avvenute, di morbillo in Gran Bretagna. La ministra andrebbe rimossa da Gentiloni all’istante se questo governo avesse un sussulto di dignità con l’obiettivo di ricreare un clima di fiducia coi cittadini e il decreto legge riportato all’iter parlamentare naturale, all’approfondimento necessario attraverso una commissione imparziale di esperti che valutino le evidenze scientifiche e non le epidemie mediatiche”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»