Sabella: Marino non ha scaricato Renzi. E Scozzese non si dimetterà

Le dichiarazioni a Radio Cusano campus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sabella: "Pensavo di non fare più l'assessore dopo l'estate, e invece..:"“Che Marino sia stato scaricato da Renzi lo dicono i giornali, ma la realtà è un’altra, il governo non ha scaricato il sindaco e Renzi non ha scaricato Marino, anzi stiamo continuando a lavorare per il meglio di Roma con un’azione che deve andare avanti”. Così a Radio Cusano Campus, l’emittente dell’università Niccolò Cusano, l’assessore alla Legalità di Roma Capitale, Alfonso Sabella.

“Dobbiamo farci trovare pronti per il Giubileo- ha continuato- e rispondere presente alla grande sfida verso le Olimpiadi. I giornali esagerano spesso quella che è la realtà dei fatti. Poi è chiaro che in un momento come questo certe frasi, certe battute che si dicono, vengono interpretate nel modo sbagliato, gettando benzina sul fuoco. Per carità, il fuoco c’è, non cerchiamo di nasconderci dal sole con una mano, ma non bisogna esagerare”.

Sulle presunte dimissioni di Silvia Scozzese dalla giunta, invece, Sabella ha aggiunto: “Con lei ho parlato ieri, non mi sembra, al di là delle indiscrezioni dei giornali, che sia intenzionata a dimettersi. Con lei abbiamo dato vita alla centrale unica degli acquisti, anche ieri abbiamo parlato di bilanci e di quello che possiamo fare per il Giubileo. Non mi pare abbia alcuna intenzione di dimettersi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»