Giornata dell’Africa, alla Farnesina una mostra virtuale con tredici artisti

africa day farnesina
Il 25 maggio le celebrazioni dedicate al Continente, ricordando l'ambasciatore Luca Attanasio, ucciso in Congo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una mostra virtuale, esplorazione nell’universo artistico del continente, attraverso 13 autori e 40 opere, per celebrare la Giornata dell’Africa che ricorre domani: a proporla, declinandola su temi come la sostenibilità ambientale, la pace, le migrazioni e la comunità, è il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale.

“Gli artisti che hanno partecipato a questo progetto celebrativo sono 13 e provengono da aree molto differenti del continente” si riferisce in una nota: “I senegalesi Fatou Kande Senghor, Soly Cissé e Seni Camara, l’etiope Dawit Abebe, lo zimbabwiano Troy Makaza, la malgascia Malala Andrialavidrazana, il ghanese El Anatsui, le nigeriane Ifeoma U. Anyaeji e Peju Alatise, la marocchina Ghizlane Sahli, il mozambicano Gonçalo Mabunda, il camerunense Barthélémy Toguo e l’ivoriana Mathilde Moreau”.

I video con le loro testimonianze, online da domani all’indirizzo www.esteri.it, saranno accompagnati dall’esposizione digitale di alcune delle opere più iconiche, per quasi 40 pezzi d’arte.

“Il contributo è pensato come un’esplorazione dell’universo artistico innovativo africano, entrando negli studi degli artisti, avvicinandosi alla loro visione della vita, superando lo sguardo istituzionale accademico e museale” sottolineano gli organizzatori. “Insieme alle voci degli artisti, gli utenti che parteciperanno alla mostra potranno ammirare le loro opere, i loro lavori, che meglio di ogni altra immagine sapranno raccontare la forza identitaria di una produzione ricca, originale e autonoma”.

Con l’iniziativa, la Farnesina celebra come da tradizione l’anniversario della nascita dell’Organizzazione dell’Unità Africana, fondata il 25 maggio 1963 ad Addis Abeba e diventata, dal 2002, Unione Africana. Quest’anno, a causa della pandemia di Covid-19, è stata allestita una “mostra virtuale”. L’appuntamento è patrocinato dal Centro internazionale di studi per la conservazione ed il restauro dei beni culturali (Iccrom). Previsto un discorso di saluto e di augurio del ministro Luigi Di Maio, seguito dall’intervento di Fidèle Sambassi Khakessa, ambasciatore a Roma della Repubblica Democratica del Congo, il Paese che detiene la presidenza dell’Unione Africana per il 2021.
La viceministra Marina Sereni e i rappresentanti delle organizzazioni internazionali specializzate nella conservazione dei beni archeologici – il direttore generale dell’Iccrom, Webber Ndoro, e il presidente del Consiglio internazionale dei monumenti e dei siti (Icomos), Maurizio di Stefano – chiuderanno l’incontro online con i loro interventi.
La mostra è stata allestita con la collaborazione di Cms Cultura, agenzia specializzata nella produzione di mostre e momenti espositivi. A guidare il percorso espositivo Micol Forti, direttrice della collezione d’arte contemporanea dei Musei Vaticani. Con la celebrazione della Giornata di quest’anno, sottolinea la Farnesina, si intende anche ricordare il contributo dato nel loro servizio in Africa dall’ambasciatore Luca Attanasio, dal carabiniere Vittorio Iacovacci e dal loro autista Mustapha Milambo, vittime il 22 febbraio di un attentato nell’est della Repubblica democratica del Congo.

LEGGI ANCHE “Piangere è doveroso”: funerali Stato per Attanasio e Iacovacci uccisi in Congo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»