Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nastri d’Argento, premio speciale a Renato Pozzetto

RENATO_POZZETTO
Sigla l'omaggio all'intensa interpretazione del film di Pupi Avati 'Lei mi parla ancora' e il riconoscimento ad un ritorno al cinema a quasi mezzo secolo dal debutto sugli schermi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Renato Pozzetto il Nastro d’Argento speciale 2021 che sigla l’omaggio all’intensa interpretazione del film di Pupi Avati ‘Lei mi parla ancora‘ e il riconoscimento ad un ritorno al cinema a quasi mezzo secolo dal debutto sugli schermi.

LEGGI ANCHE: Dal cabaret al grande schermo, gli 80 anni di Renato Pozzetto

“Dopo tanti anni di comicità Renato Pozzetto, con un talento drammatico inedito, negli anni mai rivelato, ci ha fatto scoprire grazie a Pupi Avati un’altra gamma di sfumature del suo essere attore, con un’interpretazione intensa e sorprendente”, ha dichiarato la presidente Laura Delli Colli, a nome del Direttivo Nazionale. “Questo è il riconoscimento ad un nuovo debutto, a quasi cinquant’anni dal Nastro d’Argento che ha siglato il suo primo successo sullo schermo, nel 1972, come miglior esordiente in ‘Per amare Ofelia’ di Flavio Mogherini”.

Mercoledì 26 maggio saranno annunciate in streaming – sul canale Youtube Cinemagazine Sindacato dei Giornalisti Cinematografici Italiani – le candidature dell’edizione 2021 dei Nastri d’Argento, i premi di interesse culturale nazionale dei giornalisti cinematografici del Sngci.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»