fbpx

Giustizia, Taradash: “Svolta giustizialista dipende da M5s-Lega”

FIRENZE – In Italia è in corso una svolta giustizialista. E secondo il presidente dell’associazione italiana giovani avvocati, Alberto Vermiglio, la spinta arriverebbe proprio dalla piazza. Una tesi che, tuttavia, non persuade il giornalista ed esponente di +Europa, Marco Taradash, fra i relatori del dibattito dedicato al carcere della IV conferenza nazionale di Aiga sul tema della ‘Difesa dei non difesi’. “Non credo che dipenda dalla popolazione e dal suo modo di pensare- spiega alla ‘Dire’ l’ex parlamentare-. In realtà nel corso di questi anni, in particolare nell’ultimo anno, è stato esaltato talmente tanto il pericolo dell’insicurezza e il ruolo del carcere che è naturale vedere un riflesso sull’opinione pubblica, anche perché sono queste le uniche informazioni di cui dispone facilmente attraverso la tv di Stato completamente occupata dai contratti e dai contrasti di Salvini e Di Maio”.

“PUNTARE SU PENE ALTERNATIVE E RIEDUCAZIONE DEL CONDANNATO”

 Questo rende complicato spiegare razionalmente, ad avviso di Taradash, che i dati suggeriscono di puntare sulle pene alternative e sulla rieducazione del condannato per evitare episodi di recidiva. “Col ministro Bonafede, però- aggiunge-, abbiamo avuto la teorizzazione dell’opposto: al carcere si risponde soltanto col carcere. Quindi con condizioni di vita migliori, ma si resta in carcere sino alla fine della pena. Per il governo l’unica soluzione è questo tipo di pena”. D’altronde, sottolinea, “in ogni legge che fanno 5 Stelle e Lega la prima cosa a cui pensano è ottenere pene più gravi in modo tale che anche per reati non gravissimi si finisca direttamente” dietro le sbarre. È un disegno che si adatta a un modello di “democrazia illiberale” che ha i propri punti di riferimento in Orban, Putin nel caso leghista e in Maduro o nella Cina per i pentastellati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»