fbpx

Mocellin: “Alleanza ‘Insieme per la vista’ e ‘Treccani’ per prevenzione”

ROMA – Promuovere la ricerca scientifica nel campo dell’oftalmologia e della farmaceutica, realizzare importanti progetti, campagne e attività sociali legate alla tutela e salvaguardia della vista e alla sua prevenzione, controllo e cura in Italia e all’estero; è la missione della Fondazione ‘Insieme per la vista Onlus’ in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI). A spiegare all’agenzia Dire i progetti in corso e le novità è Antonio Mocellin, Fondazione ‘Insieme per la vista’-Fondazione Treccani Cultura.

I PROGETTI DELLA FONDAZIONE TRECCANI CULTURA

“La Fondazione ‘Insieme per la vista’- spiega- è un organizzazione della SOI ed è nata per comunicare ai pazienti l’importanza della prevenzione e promuovere progetti atti a preservare la vista e la salute dell’occhio. ‘Insieme per la vista’ inoltre lo scorso anno ha avviato la prima campagna pensata per i piccoli seguendo l’indicazione di sottoporre i bambini, entro i primi 3 anni di vita, a visite oculistiche pediatriche. Insieme a IAPB Italia Onlus, abbiamo promosso altre iniziative per l’introduzione delle nuove tecnologie nella chirurgia della cataratta. ‘Insieme per la vista’, SOI e insieme a IAPB hanno promosso campagna ‘La vista ti salva la vita’ con l’obiettivo di screenare quella parte della popolazione che non si era mai sottoposta a visite oculistiche complete: dalla misurazione del tono oculare al glaucoma fino all’esame del fondo oculare. La manifestazione ha coinvolto tantissimi oculisti e molti pazienti. La Fondazione ‘Insieme per la vista’ e l’Istituto Treccani, hanno dato vita alla Fondazione ‘Treccani Cultura’ con lo scopo di veicolare il concetto di cultura della salute in settori sempre più larghi della popolazione e per divenire portavoce di istanze relative alle esigenze di salute dei cittadini alle istituzioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»